Findea Close Icon

Come fare business in Italia? – Altri elementi caratterizzanti

elementi caratterizzaanti: costi annui caratteristici della forma giuridica scelta, tenuta della contabilità e trattamento fiscale.
Condividi ora!

In questo articolo analizzeremo ulteriori elementi che devono essere considerati nella scelta della forma giuridica, in particolare forniremo dei primi spunti su: i costi annui caratteristici della forma scelta, la tenuta della contabilità e il trattamento fiscale.

 

I costi annui caratteristici della forma scelta

Un elemento da non trascurare sono i costi che devono essere sostenuti in relazione alla forma prescelta.

Per quanto riguarda i costi per l’avvio dell’attività:

  • per i lavoratori autonomi e per le imprese individuali i costi sono abbastanza contenuti e riguardano la predisposizione e l’invio del modello per l’apertura della partita IVA, la creazione della PEC e l’iscrizione al Registro delle Imprese. A tali costi devono essere aggiunti quelli specifici per la presentazione della pratica di avvio attività al Registro delle Imprese, che può implicare o meno anche una pratica comunale;
  • per le società, oltre ai costi sopra menzionati, occorre considerare anche i costi per la costituzione della società ed il costo per la predisposizione dei libri sociali.

Altri costi, invece, devono essere sostenuti annualmente. In particolare:

  • peri lavoratori autonomi e per le imprese individuali, il principale costo annuo è rappresentato dalla parcella del commercialista che viene incaricato della tenuta dei registri e dei libri contabili obbligatori, oltre che dell’espletamento degli adempimenti fiscali obbligatori;
  • per le società, anche in questo caso, i costi sono normalmente superiori, sia perché di frequente la contabilità è tenuta in via ordinaria, sia perché, con riferimento alle società di capitali, vi sono dei costi ricorrenti legati al pagamento della tassa annuale di vidimazione dei libri sociali e dei diritti per il deposito del bilancio.

 

La tenuta della contabilità: ordinaria o semplificata?

Alternative diverse prevedono obblighi diversi: un aspetto di non poca importanza è rappresentato dalla forma della contabilità. Questa differenza non si riflette solo in termini di complessità dalla tenuta dei libri contabili, ma anche in termini di maggiori o minori costi da essa derivanti.

Le società di capitali sono sempre obbligate a tenere la contabilità secondo la forma ordinaria.

La forma ordinaria rimane, invece, un’opzione facoltativa per le società di persone e le ditte individuali, a meno che queste non abbiano conseguito un fatturato annuo maggiore di 700.000 Euro (o maggiore di 400.000 Euro se l’attività prevalente è la prestazione di servizi) poiché, in tal caso, la contabilità ordinaria diventa obbligatoria anche per tali soggetti. Per quanto riguarda, invece, i professionisti, il regime naturale è quello della contabilità semplificata, mentre quella ordinaria è sempre opzionale.

 La contabilità ordinaria consiste nella tenuta dei seguenti libri contabili e fiscali obbligatori:

  • registri obbligatori ai fini IVA:
  1. registro delle fatture di acquisto;
  2. registro delle fatture emesse e dei corrispettivi;
  • registro dei beni ammortizzabili, ossia i beni che non esauriscono la loro vita utile nel singolo esercizio e quindi sono soggetti ad ammortamento annuale, nel quale devono essere iscritte tutte le immobilizzazioni materiali e immateriali;
  • libro giornale: il quale riporta cronologicamente le operazioni relative all’esercizio d’impresa e deve essere tenuto con il metodo di registrazione contabile della partita doppia;
  • libro degli inventari.

 L’agevolazione derivante dall’applicazione della contabilità semplificata consiste nella possibilità di integrare nei registri IVA di acquisti e vendite rispettivamente i costi e i ricavi rilevanti ai fini delle imposte sui redditi. È inoltre prevista, sempre con riferimento alla contabilità semplificata, la facoltà di non tenere il registro dei beni ammortizzabili, purché le informazioni relative agli ammortamenti, e ai beni su cui vengono calcolati, siano annotate e tenute in modo ordinato all’interno dei registri IVA.

Il trattamento fiscale

Infine, l’elemento che viene spesso considerato più di altri per la scelta della forma giuridica da adottare è il trattamento fiscale.

I lavoratori autonomi e le imprese individuali sono assoggettati ad IRPEF.I redditi prodotti in queste attività andranno quindi a formare parte del reddito complessivo dell’imprenditore/professionista, il quale sarà soggetto aduna aliquota di tassazione che varia tra il 23% e il 43% in base all’ammontare dal reddito conseguito nell’anno, oltre agli importi dovuti a titolo di addizionali regionali e comunali. È bene tenere presente che esiste un regime di favore -denominato regime forfettario - che permette un notevole risparmio fiscale, oltre che una significativa semplificazione contabile, per i contribuenti che rispettano determinati requisiti reddituali. Tale regime consente di determinare forfettariamente sia la base imponibile che l’imposta, con un'aliquota del 5% o del 15% a seconda della specifica situazione.

Per quanto riguarda le società occorre distinguere, invece, tra società di persone (S.s., S.n.c., S.a.s.) e di capitali (S.r.l., S.p.a., S.a.p.a.). Le prime sono tassate per trasparenza: ciò significa che i redditi da loro prodotti saranno imputati direttamente ai soci (in proporzione alle rispettive quote) e concorreranno, quindi, al loro reddito complessivo ai fini IRPEF (con le stesse aliquote menzionate sopra).

I redditi generati dalle seconde, invece, sono tassati direttamente in capo alla società, la quale sarà soggetta ad IRES nella misura del 24%; fa eccezione il caso dell’esercizio dell’opzione di trasparenza (un particolare regime previsto per alcune S.r.l. che consente di applicare una tassazione analoga a quella prevista per le società di persone). Inoltre, per le società di capitali, a differenza delle società di persone, i redditi, per essere disponibili per i soci, dovranno poi essere distribuiti sotto forma di dividendi, scontando un’ulteriore tassazione nella misura del 26% del dividendo.

In aggiunta a queste imposte, i redditi delle società devono sempre scontare anche l’IRAP al 3,90%, mentre imprenditori individuali e professionisti sono soggetti ad IRAP solo se dotati di una certa struttura organizzativa.

Siamo giunti alla conclusione di questa prima introduzione sulle modalità di fare business in Italia; nei prossimi articoli analizzeremo nel dettaglio come gli elementi caratterizzanti, qui solo brevemente descritti, trovano effettiva declinazione in ciascuna forma indicata

Il nostro partner esclusivo:
Lo Studio Locatelli è stato fondato dal Prof. Alfonso Locatelli negli anni ‘60. Il Dott. Valerio Locatelli ha poi proseguito nell’esercizio dell’attività paterna di Dottore Commercialista, dando un importante impulso alla crescita ed alla specializzazione dello studio, al fine di consentire una risposta adeguata alle esigenze emergenti nel moderno contesto economico.In quest’ottica è avvenuta l’integrazione nella struttura di diverse figure professionali specializzate in differenti aree di attività, non solo Dottori Commercialisti, ma anche Avvocati, Notai ed esperti di settore, determinando la moderna realtà multidisciplinare attualmente rappresentata dallo Studio Locatelli Sani Ravani & Associati.
www.studiolocatelliassociati.comPanoramica dei servizi
Newsletter di STARTUPS.IT

Iscriviti ora e sii il primo o la prima a ricevere le ultime notizie.

A breve riceverete mensilmente una raccolta dei nostri articoli più importanti ed informazioni d'attualità.
Grazie mille! Abbiamo ricevuto la tua richiesta.🤩
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.