Findea Close Icon

Cripto-attività: obblighi dichiarativi nel quadro RW

Tra gli investimenti e le attività estere da inserire nel quadro RW si annoverano altresì le cripto-attività
Condividi ora!

Tra gli investimenti e le attività estere da inserire nel quadro RW si annoverano altresì le cripto-attività, le quali da un punto di vista strettamente definitorio, includono segnatamente non solo le criptovalute, bensì anche i Non Fungible Token (cd. NFT).

Tratto distintivo

A ben vedere il tratto caratterizzante di queste “cripto-attività” è insito nella loro aterritorialità ovvero nell’assenza di un vero e proprio legame giuridico con un territorio estero, poiché la loro disponibilità coincide con il possesso del codice crittografico unico e virtuale non assimilabile alla conservazione in un luogo fisico.

Stante questo fatto è pacifico che il possesso dei cd. Digital Wallet debba essere dichiarato dal contribuente stesso inottemperanza al principio di autodenuncia, il quale stabilisce che, quanto esuli dalle informazioni in possesso degli intermediari residenti, e quindi dell’Amministrazione Finanziaria, debba essere comunicato in via autonoma.

Valorizzazione nel quadro RW

Per quanto concerne, invece, l’individuazione di un controvalore in euro relativo alle criptovalute da inserire nel Modello, l’Agenzia con la risposta all’interpello n. 788/2021 ha precisato che deve essere determinato al cambio indicato a tale data sul sito ove il contribuente ha acquistato la valuta virtuale stessa.

Molto più lacunosa e incerta risulta invece la disciplina degli NFT ove, in assenza di una posizione dell’Amministrazione Finanziaria stessa, ai fini della tassazione si segue la natura del bene sottostante; ad ogni modo la compilazione del quadro RW per tutte le cripto-attività adempie unicamente ad obblighi di monitoraggio fiscale non essendo, infatti, soggetta ad IVAFE.

In ultimo, anche il regime sanzionatorio applicabile in caso di omessa indicazione non è pacifico, seppur la dottrina maggioritaria propenda per quello ordinario dal momento che, l’aterritorialità insita in queste attività, rende di fatto inapplicabile quello raddoppiato riservato ai paradisi fiscali.

Il nostro partner esclusivo:
Lo Studio Locatelli è stato fondato dal Prof. Alfonso Locatelli negli anni ‘60. Il Dott. Valerio Locatelli ha poi proseguito nell’esercizio dell’attività paterna di Dottore Commercialista, dando un importante impulso alla crescita ed alla specializzazione dello studio, al fine di consentire una risposta adeguata alle esigenze emergenti nel moderno contesto economico.In quest’ottica è avvenuta l’integrazione nella struttura di diverse figure professionali specializzate in differenti aree di attività, non solo Dottori Commercialisti, ma anche Avvocati, Notai ed esperti di settore, determinando la moderna realtà multidisciplinare attualmente rappresentata dallo Studio Locatelli Sani Ravani & Associati.
www.studiolocatelliassociati.comPanoramica dei servizi
Newsletter di STARTUPS.IT

Iscriviti ora e sii il primo o la prima a ricevere le ultime notizie.

A breve riceverete mensilmente una raccolta dei nostri articoli più importanti ed informazioni d'attualità.
Grazie mille! Abbiamo ricevuto la tua richiesta.🤩
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.