Findea Close Icon

Gli investimenti nelle startup italiane sfiorano il miliardo!

In soli sei mesi, ben 957 milioni di euro investiti in giovani aziende.
Condividi ora!

Nonostante gli effetti pandemia, il mondo dell’innovazione in Italia sembra godere di buona, anzi buonissima salute: Infatti, nel primo semestre di quest'anno le operazioni di venture capital nel mercato italiano hanno visto lievitare nettamente l'ammontare investito in startup italiane raggiungendo quasi il miliardo, a 957 milioni di euro, più del doppio in un anno (+123%).

"Numeri sorprendenti"

«I numeri sorprendenti, per un primo semestre dell’anno così complicato per via degli scenari economici e politici che si stanno sviluppando, mostrano che l’innovazione è fondamentale per permettere all’economia di avanzare anche e soprattutto nei momenti di crisi» afferma Innocenzo Cipolletta, presidente Aifi, l’Associazione Italiana del Private Equity, Venture Capital e Private Debt. “I dati dimostrano anche che le startup domestiche hanno tutte le caratteristiche per diventare le grandi società del futuro”.

Rallentamento dei finanziamenti esteri

Guardando più nel dettaglio i dati, si constata che gli operatori domestici, che fanno la parte del leone con 671 milioni investiti, insieme a quelli esteri, da cui sono arrivati 286 milioni, hanno finalizzato complessivamente 161 round, contro i 141 dei primi sei mesi 2021 (+14%). Allo stesso tempo, si registra però un rallentamento dei finanziamenti in realtà estere fondate da imprenditori italiani, da 379 milioni a 176 milioni di euro, con 11 operazioni, in linea con l'anno precedente. Nonostante ciò, sommando queste due componenti, complessivamente le operazioni di venture capital salgono a 172 (+12%) per un totale di 1,1 miliardi di euro nel semestre (erano 808 milioni nel primo semestre 2021).

Lombardia e ICT come traino

A livello di investimenti initial, come negli anni passati, è la Lombardia è la Regione in cui si concentra il maggior numero di società target che ammontano a 59, coprendo il 38% del mercato, seguita da Lazio (14%) e Piemonte (9%). Il settore dell’ITC monopolizza con una quota del 40% l’interesse degli investitori. A seguire, il 10% degli investimenti initial è stato diretto verso i servizi finanziari (fintech) e l’8% verso l’healthcare.

Questi buoni risultati lasciano sicuramente fiducia per il futuro imprenditoriale dell’Italia, anche se in paragone ad altri paesi, rimane ancora molto da fare.

Il nostro partner esclusivo:
Lo Studio Locatelli è stato fondato dal Prof. Alfonso Locatelli negli anni ‘60. Il Dott. Valerio Locatelli ha poi proseguito nell’esercizio dell’attività paterna di Dottore Commercialista, dando un importante impulso alla crescita ed alla specializzazione dello studio, al fine di consentire una risposta adeguata alle esigenze emergenti nel moderno contesto economico.In quest’ottica è avvenuta l’integrazione nella struttura di diverse figure professionali specializzate in differenti aree di attività, non solo Dottori Commercialisti, ma anche Avvocati, Notai ed esperti di settore, determinando la moderna realtà multidisciplinare attualmente rappresentata dallo Studio Locatelli Sani Ravani & Associati.
www.studiolocatelliassociati.comPanoramica dei servizi
Newsletter di STARTUPS.IT

Iscriviti ora e sii il primo o la prima a ricevere le ultime notizie.

A breve riceverete mensilmente una raccolta dei nostri articoli più importanti ed informazioni d'attualità.
Grazie mille! Abbiamo ricevuto la tua richiesta.🤩
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.